Lotto marzo

L’ironia del destino ha voluto che l’8 marzo 2011 fosse il giorno in cui iniziai ad avere una storia con uno che si è poi rivelato violento.

In estrema sintesi: la persona che mi ha rovinato la vita, fino al giorno in cui ho deciso che doveva andarsene affanculo, che non coincide col giorno in cui l’ho lasciato, perché sono seguiti mesi d’inferno, minacce, stalking, paura, depressione; ma col giorno in cui ho capito che, nonostante tutto questo, non volevo più essere una vittima e ho cominciato a provare a rialzarmi.

Sto ancora provando a rialzarmi e affanculo chiunque pensi che sia facile, che “basta lasciarlo”, che “non ci devi pensare più” e tutte le cazzate che vengono in mente a certa gente che proprio non sa ascoltare.

Per anni molte persone a cui volevo bene si sono rifiutate di ascoltarmi e sta cosa mi ha ferito quasi quanto le sue botte.
Forse di più.

Io voglio essere ascoltata.
E non ho più paura.
E vaffanculo chi ci ignora, oggi e ogni altro giorno:
urliamo, e se continuano ad ignorarci e voltarsi dall’altra parte, urliamo più forte.

“Urlare da solo toglie la voce
Ma urlare in tanti te la dà”.

Annunci

Condividi la tua opinione!1!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.